Cerca

Menu

News details

Dichiarazione – il Presidente Trump dichiara che Gerusalemme è la capitale di Israele

“Ma tu, SIGNORE, regni per sempre

e il tuo ricordo dura per ogni generazione.
 Tu sorgerai e avrai compassione di Sion,
poiché è tempo d'averne pietà;
il tempo fissato è giunto”.
Salmi 102: 12-13

 

“Cadranno sotto il taglio della spada,

e saranno condotti prigionieri fra tutti i popoli;

e Gerusalemme sarà calpestata dai popoli,

finché i tempi delle nazioni siano compiuti..”
Luca 21:24

 

Per secoli Cristiani conosciuti, predicatori, leader ed insegnanti hanno scritto a riguardo della verità biblica che richiama la restaurazione del popolo ebraico nella terra dei loro padri e nella città di Gerusalemme, alla fine dei tempi. Le Scritture lo chiamano “il tempo della compassione per Sion”. Ciò non è accaduto perché “messi alle strette”, e non si tratta di una questione politica. È una questione spirituale con conseguenze politiche; ma è sempre stato così tutte le volte che gli Ebrei sono tornati a Sion. Ci sono stati quelli che hanno gioito della restaurazione di Israele, e quelli che vi si sono opposti aggressivamente. Nehemia conosceva bene e tristemente questa dinamica; nulla è cambiato.

Questo ritorno, nei giorni nostri, degli Ebrei a Canaan e alla loro antica capitale, Gerusalemme, è l’adempimento delle eterne promesse fatte da Dio al popolo ebraico, attraverso il patto che Dio ha stipulato con Abrahamo e i loro padri 4000 anni fa. Questo patto, nonostante la costernazione di molti, non è mai stato cancellato o modificato, ed è un fatto ampiamente testimoniato dalle scritture del Nuovo Testamento.

L’esclusivo posto di Israele ha a che fare con la redenzione e la benedizione per l’intero mondo. Israele è il veicolo della redenzione del mondo e, in quanto tale, ha donato al mondo la rivelazione di Dio e la Sua parola, il che è fantastico. Questa rivelazione ha reso le nazioni grandi e ha portato alle loro coste la conoscenza salvifica di un Messia ebreo, Gesù di Nazaret (Giovanni 4:22).

Oggi un Presidente americano, Donald Trump, ha avuto il coraggio di abbracciare ciò che la Scrittura dice, quando gli Stati Uniti d’America, per messo della sua dichiarazione, hanno affermato che Gerusalemme è senza dubbio la indivisibile ed eterna capitale della nazione di Israele. Nessun’altra nazione può rivendicare questo diritto su Sion in questo modo e nessun’altra nazione ha mai avuto Gerusalemme come sua capitale. Infatti, la capitale di Israele è stata dichiarata tale per la prima volta 3000 anni fa, quando il re Davide regnava a Gerusalemme. La dichiarazione di Donald Trump è coraggiosa, biblica ed onesta, ed il Dio della Bibbia lo benedirà per questo.

100 anni fa, pressoché in questi giorni, quando gli Ebrei stavano accendendo le loro candele per Chanukka, un fervente generale cristiano di nome Allenby liberò Gerusalemme. Solo poche settimane prima, il 7 di novembre, la sua nazione aveva emanato la Dichiarazione Balfour, che preparava la via per la ricostruzione dello Stato di Israele. La liberazione di Gerusalemme è stata certamente un segno, ad indicare che uno spettacolare ciclo di eventi si sarebbe verificato, è così è stato. È giunto il tempo di avere compassione di Sion!

Proprio 50 anni più tardi, nel giugno del 1967, le Forze di Difesa Israeliane liberarono finalmente la Gerusalemme biblica e la portarono sotto la sovranità di Israele, riunendola ed aprendola così alle genti di ogni credo e fede.

Il 6 dicembre 2017, dopo altri 50 anni, Gerusalemme è stata finalmente “liberata” a livello diplomatico. Così, un presidente americano ha avuto il coraggio di mantenere la parola ed onorare la verità. Tutto ciò è sorprendente, e mentre molti piangeranno e digrigneranno i denti, non vedendo nulla di memorabile in questi eventi, i cieli gioiranno assieme al popolo di Dio in ogni luogo, perché Dio ha mantenuto la parola data ad Abrahamo e sta per completare la sua opera di redenzione in un modo davvero incredibile.

Dopo tutto, Suo figlio disse, “Quando vedrete queste cose, rialzate il capo, perché la vostra redenzione si avvicina” (Luca 21:28).

Oggi, cari amici, il tempo di Dio si è adempiuto!

Malcolm Hedding - Ex Presidente dell'International Christian Embassy Jerusalem

 

Visualizza tutti

News Rss feed

Visualizza tutti

dona